NATURA, DIVERTIMENTO, CULTURA, SPORT...E PASSIONE

 

NATURA

Le arciere e gli arcieri FIARC non possono prescindere da uno stretto rapporto con boschi e prati, perché la loro attività sportiva si svolge abitualmente in percorsi all’aperto lungo i quali sono distribuite le piazzole di tiro, composte da uno o più bersagli raffiguranti animali selvatici ambientati nel contesto naturale.

DIVERTIMENTO

Le arciere e gli arcieri FIARC trovano nell’incontro con gli altri concorrenti lo spunto per passare giornate gradevoli in compagnia di persone appassionate e disponibili. Si adattano al caldo e al freddo, e sanno sorridere sia sotto la pioggia battente sia sotto il sole rovente. Conoscono l’arte di arrangiarsi nelle difficoltà.

CULTURA

Le arciere e gli arcieri FIARC sono attratti dal valore storico e antropologico dell’arco. In questi ambiti si raccolgono documentazioni su archi e frecce che l’uomo ha inventato nel corso dei secoli, condividendo i risultati delle proprie ricerche. La stessa passione è posta nello studio di materiali moderni per maggiori prestazioni.

SPORT

Le arciere e gli arcieri FIARC vivono sportivamente l’agonismo. Si avvicinano alle gare con competenza e attenzione. Stanno in gara rispettando l’ambiente e le persone, in primo luogo i loro più diretti avversari. Sanno vincere e sanno perdere, perché sanno gioire delle proprie vittorie con umiltà e di quelle altrui con entusiasmo.

Le arciere e gli arcieri FIARC sono persone che amano l'attività all’aria aperta e vivono intere giornate nei boschi, durante le quali emerge la voglia di giocare, ma molto seriamente.

Devono infatti avere requisiti che necessitano di adeguata formazione, perché nelle nostre situazioni di allenamento e di gara arco e frecce sono strumenti da utilizzare con grande attenzione e perspicacia.

Per diventare arciere FIARC bisogna iscriversi a una Compagnia, e frequentare un Corso di tiro con l'arco di campagna.